Skip to main content
Seguiteci sui nostri social network

Raccomandazioni

Per aiutarvi nel migliore dei modi, LAM PLAN vi dà alcuni suggerimenti per lo sviluppo dei processi.

Raccomandazioni per il rodaggio

Il rodaggio delle parti con il sistema NEW LAM® M’M’ e il abrasivo Bio Diamant® NEOLAP®.

MACCHINA

  • Isolare la macchina da polvere o trucioli provenienti da un altro centro di lavoro che potrebbero contaminare l’abrasivo diamantato e il tavolo di lappatura, con conseguente deterioramento della finitura superficiale dei pezzi.
  • Coprire la macchina tra un utilizzo e l’altro per evitare l’inquinamento.
  • Controllare periodicamente le condizioni dei dispositivi di erogazione dell’abrasivo: il dosatore MM909 e il doppio ugello 815 – sostituire i tubi di erogazione ogni 6 mesi.

ANELLI

  • Utilizzare gli anelli ceramici SPYLAP® LAM PLAN solo su piastre NEW LAM M’M’.
  • Prima di montarli, assicurarsi che i perni non siano danneggiati per evitare di danneggiare la piastra durante il ciclo di rodaggio.
  • Pulire gli anelli periodicamente (una volta alla settimana o prima di una lunga sosta).
  • Sostituire gli anelli quando la parte attiva è completamente usurata.

PIATTO

  • Controllare la planarità del piatto ogni ora di rodaggio con il righello micrometrico. La planarità del piatto deve essere compresa tra una convessità massima di 0,02 mm e una concavità massima di 0,02 mm.
  • Se necessario, riallineare la piastra di lappatura con il sistema DIABLOC.
  • In caso di elevata produzione, elevata asportazione di materiale e/o ampia superficie di lappatura, LAM PLAN consiglia l’uso di una piastra di raffreddamento integrata.
  • Questo sistema innovativo permette di controllare il riscaldamento della piastra e quindi di aumentare gli intervalli tra le operazioni di lappatura, garantendo una produzione costante dei vostri pezzi in qualità e quantità.
  • Scanalatura della piastra di lappatura, se è necessario aumentare la potenza di taglio, le scanalature sono dell’ordine di 0,2-0,3 mm di profondità su un passo di 3-4 mm. LAM PLAN offre su richiesta versioni scanalate delle sue piastre NEW LAM M’M’ e delle piastre monocomponente della Serie 2000.
  • Prima di ogni sosta prolungata, pulire bene la piastra per evitare l’accumulo di fango. Pulire con alcool o benzina.
  • Evitare colpi alla piastra quando si posizionano pezzi pesanti o anelli. Evitare graffi pesanti dovuti alla lappatura di parti non sbavate. Questi incidenti possono danneggiare la piastra e comprometterne le prestazioni.

FILM ABRASIVO

  • È la quantità di abrasivo disponibile sul substrato, formata dalla spruzzatura del liquido diamantato e del fluido lubrificante.
  • Mantenere il film abrasivo né troppo secco né troppo umido per garantire un buon compromesso tra rimozione del materiale e planarità della tavola.
  • Un film abrasivo troppo secco garantisce una buona asportazione, ma provoca un riscaldamento della superficie di lappatura che ne pregiudica la planarità.
  • Un film abrasivo troppo bagnato mantiene la planarità della lastra, non causando surriscaldamento, ma limitando la rimozione del materiale.

ABRASIVO

  • Fluido diamantato: agitare bene il flacone prima di versarlo nel dosatore MM909; l’opzione agitatore è consigliata quando si utilizzano prodotti abrasivi a presa rapida (ad es. SERIE 241P).
  • Per limitare l’aumento di temperatura dovuto al ciclo di rodaggio e per controllare il consumo di fluido diamantato, è possibile utilizzare un fluido lubrificante. Utilizzare solo il fluido raccomandato da LAM PLAN e compatibile con il fluido diamantato.

RISULTATI RAGGIUNTI E CONTROLLO

  • Rugosità: condizione della superficie risultante dalla lappatura, misurata con un rugosimetro. La NUOVA piastra LAM M’M’ YELLOW fornisce una finitura superficiale prossima a 3/100 µRa su parti in acciaio trattate.
  • Planarità: la lappatura diamantata LAM PLAN fornisce una superficie sufficientemente brillante per il controllo diretto della planarità. Questa dimensione geometrica viene misurata otticamente utilizzando una lampada monocromatica e un calibro ottico.
  • Asportazione di materiale: l’asportazione di materiale è condizionata dalla dimensione del grano abrasivo, dalla durezza della tavola, dal carico applicato ai pezzi e dal tempo di ciclo.
  • Poiché i primi tre parametri sono fissati da prove precedenti e da un metodo, solo la durata dell’operazione di lappatura varia la rimozione di materiale. Questo valore sarà misurato con una colonna di misura.

PULIZIA DEI PEZZI

  • Alla fine del ciclo, i pezzi lappati devono essere puliti per rimuovere fanghi e tracce di abrasivo e consentire un controllo ottimale.
  • L’utilizzo dei prodotti LAM PLAN NEOLAP® garantisce una facile pulizia dei pezzi utilizzando un bagno di lavaggio convenzionale o a ultrasuoni.

Raccomandazioni metallografia

Preparazione del campione metallografico con il sistema di lucidatura CAMEO® e il abrasivo Bio Diamant® NEODIA®.

TRONCATURA

La scelta del disco da taglio è fondamentale. Dipenderà dalla durezza e dalla duttilità del materiale da tagliare, nonché dalla fragilità dei rivestimenti che lo compongono.

Come scegliere un disco da taglio?

  • con abrasivo Al2O3 per materiali ferrosi,
  • con Sic per i materiali non ferrosi,
  • Vedere le tabelle di selezione dei dischi da taglio.

Quanto più duro è il materiale da tagliare, tanto più morbido deve essere il legante della mola.
Ad esempio, per il taglio di precisione di acciaio temprato con una durezza di 50 HRc, si consiglia un disco da taglio H2 o LAM PLAN BLUE con un legante in bachelite relativamente morbido.

Raccomandazioni per l’uso

Assicurarsi che la lubrificazione sia corretta. In questo modo si evita il rischio di surriscaldamento. Questo può portare a danni strutturali. Per tutti i tagli metallografici, LAM PLAN raccomanda l’uso del fluido da taglio 721 in combinazione con la CUTLAM®1.1 o 2.0 con refrigerante ottimizzato.

INGLOBAMENTO

Il rivestimento consente di limitare gli effetti dei bordi durante la fase di lucidatura. Inoltre, questa operazione consente di:

  • Durante la lucidatura manuale: per facilitare la presa del campione.
  • Durante la lucidatura automatica: per assemblare diversi campioni in un portacampioni in condizioni di serraggio ottimali.

Raccomandazioni per l’uso

Prima di qualsiasi procedura di montaggio, sgrassare i campioni in modo che la resina si adatti ai contorni del pezzo. Assicurarsi che non vi siano bave di taglio. Se necessario, sbavare gli angoli del campione con carta vetrata.

Come scegliere la resina?

Scegliere una resina con una durezza vicina a quella del materiale da rivestire.

Esistono due famiglie di resine di montaggio:

  • A freddo: sono consigliate per la preparazione di campioni singoli. Richiedono solo l’investimento di resine e stampi di montaggio.
  • A caldo: per i laboratori che preparano un gran numero di campioni. Con questo processo, le dimensioni dei montaggi sono uniformi. La resina è economica, ma richiede l’investimento di una pressa di montaggio PRESSLAM.

Procedura per il montaggio a freddo

Il campione viene posizionato sul fondo dello stampo; si consiglia di utilizzare delle clip per mantenere i campioni sottili sul bordo. Procedere alla miscelazione dei componenti della resina rispettando le dosi indicate nella scheda tecnica. Mescolare delicatamente per evitare di creare bolle d’aria. Versare la resina nello stampo fino al livello desiderato e lasciare polimerizzare all’aria aperta o in un recipiente a pressione M.M.806 per eliminare eventuali bolle o pori.
Il tempo di montaggio è generalmente di circa 15 minuti, tranne che per la RESINA CRISTAL (resina epossidica) che richiede circa 8 ore.

Procedura per il montaggio a caldo

Il campione viene posizionato sul pistone inferiore della pressa di montaggio. Il montaggio è reso possibile dalla pressurizzazione della resina e del campione e dall’applicazione di calore. Successivamente, una fase di raffreddamento con acqua completerà l’indurimento della resina.
Va notato che la quantità di resina deve essere ottimizzata. Dipende dal volume del pezzo da rivestire.

LUCIDATURA

Per lucidatura si intende l’uso di grani abrasivi sempre più fini per ottenere una superficie ideale per l’osservazione al microscopio.

Questa procedura può essere suddivisa in due fasi: la PRE-LUDIDATURA e la LUCIDATURA.

Pre-lucidatura

L’obiettivo di questa fase è ottenere una superficie piatta sui campioni. A questo scopo si utilizzano i cosiddetti supporti “abrasivi fissi”:

  • per i materiali morbidi, carta abrasiva al carburo di silicio.
  • Per altri materiali, la gamma di dischi CAMEO®DISK PLATINIUM.

Dopo la rettifica, c’è una fase di lavoro di transizione, eseguita con i CAMEO DISK SILVER O GOLD. Si tratta di supporti senza cariche abrasive, ma che garantiscono un’ottima planarità. Su questi due dischi viene utilizzato un liquido diamantato come abrasivo libero.

Lucidatura

Lo scopo della lucidatura è quello di rimuovere i danni lasciati dalle fasi precedenti. Si consiglia di utilizzare un abrasivo diamantato, di dimensioni decrescenti, che verrà spruzzato su supporti di lucidatura sempre più morbidi, come il 2TS3 (tessuto) o il 4FV1 (feltro), fino a ottenere una lucidatura perfetta.

Va notato che su alcuni materiali, generalmente molto duttili, l’abrasivo colloidale sarà utilizzato al posto dell’abrasivo diamantato.

LAM PLAN è in grado di fornire una gamma completa di lucidatrici manuali o automatiche in modalità centrale o a pressione individuale.











Assistenza e informazioni

La situazione sanitaria ci impone di adattare la nostra organizzazione e l'attività dei nostri servizi.

astec lam plan metallografia

Contattateci

Impegnati a fornirvi risposte di qualità, vi invitiamo a inviarci un messaggio con i vostri dati di contatto, in modo che il nostro staff possa rispondervi al più presto.


Le nostre reti sociali

lam plan société gaillard
astec lam plan italia

Contatti

Astec LAM PLAN SRL
Via Bezzecca, 33
20013 - MAGENTA (MI) - Italia
header-receiver+39 335 627 2623

I nostri distributori

Tutti i diritti riservati © LAM PLAN S.A.S / Creazione: Ctoutcom Studio